CORTICOSTEROIDI DURANTE LA GRAVIDANZA E SCHISI OROFACCIALI
Vai alla notizia

FARMACI GENERICI: IL SOLITO PASTICCIO ALL’ITALIANA
Vai alla notizia

E’ GIUSTIFICABILE, DOPO UN EPISODIO DI EMOTTISI, IN PRESENZA DI UNA LASTRA DEL TORACE NORMALE, ESEGUIRE ULTERIORI ACCERTAMENTI?
Vai alla notizia

ESERCIZIO FISICO PER MIGLIORARE L’ANSIA
Vai alla notizia

ASSOCIAZIONE TRA MODALITA’ DI PRESCRIZIONE DI OPPIACEI E MORTE PER OVERDOSE
Vai alla notizia

INTERVENTI PER TRATTARE LA ROSACEA
Vai alla notizia

QUALE VITAMINA D SCEGLIERE ?
Vai alla notizia

ESCITALOPRAM E DONNE IN MENOPAUSA
Vai alla notizia

EFFETTI BENEFICI DI UN CICLO DI TRE SETTIMANE DI INIEZIONI DI GLUCOCORTICOIDE INTRAMUSCOLO IN PAZIENTI AFFETTI DA POLIARTRITE INIZIALE
Vai alla notizia

BIOLOGICI E BIOSIMILARI: LA DIFFERENZA CON I GENERICI
Vai alla notizia

 

 


Articolo in lingua italiana
POSSIBILE ASSOCIAZIONE TRA SINGULAIR E CAMBIAMENTI DELL’UMORE E DEL COMPORTAMENTO, SUICIDABILITÀ E SUICIDIO
02/06/2008
Di: Guido Giustetto

L’FDA ( Food and Drug Administration ) sta valutando l’esistenza di una possibile associazione tra l’uso di Singulair ( Montelukast ) ed i cambiamenti del comportamento / umore, suicidalità (ideazione e comportamento suicidario ) e suicidio.

Montelukast è un antagonista del recettore del leucotriene.

Singulair trova indicazione nel trattamento dell’asma e dei sintomi di rinite allergica (starnuti, naso chiuso, naso gocciolante, prurito al naso) e nella prevenzione dell’asma indotta dallo sforzo.

In passato, Merck & Co ha aggiornato la scheda tecnica di Singulair, inserendo i seguenti eventi avversi osservati nel periodo post-marketing: tremore (marzo 2007), depressione ( aprile 2007), suicidabilità ( ottobre 2007 ) ed ansia ( febbraio 2008 ).

Merck & Co sta collaborando con l’FDA per definire la possibile relazione tra l’impiego di Singulair ed i cambiamenti del comportamento e dell’umore.

L’FDA ritiene che Singulair sia un farmaco efficace, pertanto ha invitato i pazienti a non interrompere l’assunzione di Singulair senza aver prima parlato con il proprio medico.

clicca qui

tratta dal sito di farmacovigilanza xagena.it

clicca qui


******************************************************************************************
Articolo in lingua Francese

Par:

******************************************************************************************
Articolo in lingua Inglese

By: