CORTICOSTEROIDI DURANTE LA GRAVIDANZA E SCHISI OROFACCIALI
Vai alla notizia

FARMACI GENERICI: IL SOLITO PASTICCIO ALL’ITALIANA
Vai alla notizia

E’ GIUSTIFICABILE, DOPO UN EPISODIO DI EMOTTISI, IN PRESENZA DI UNA LASTRA DEL TORACE NORMALE, ESEGUIRE ULTERIORI ACCERTAMENTI?
Vai alla notizia

ESERCIZIO FISICO PER MIGLIORARE L’ANSIA
Vai alla notizia

ASSOCIAZIONE TRA MODALITA’ DI PRESCRIZIONE DI OPPIACEI E MORTE PER OVERDOSE
Vai alla notizia

INTERVENTI PER TRATTARE LA ROSACEA
Vai alla notizia

QUALE VITAMINA D SCEGLIERE ?
Vai alla notizia

ESCITALOPRAM E DONNE IN MENOPAUSA
Vai alla notizia

EFFETTI BENEFICI DI UN CICLO DI TRE SETTIMANE DI INIEZIONI DI GLUCOCORTICOIDE INTRAMUSCOLO IN PAZIENTI AFFETTI DA POLIARTRITE INIZIALE
Vai alla notizia

BIOLOGICI E BIOSIMILARI: LA DIFFERENZA CON I GENERICI
Vai alla notizia

 

 


Articolo in lingua italiana
VACCINO CONTRO L’IPERTENSIONE
20/04/2008
Di: Guido Giustetto

Nel tentativo di sviluppare nuovi trattamenti antipertensivi, è stato sviluppato un vaccino contro l’angiotensina II che, in un piccolo studio preliminare (Lancet 2008; 371:821-7), rispetto a placebo (somministrazione di 3 iniezioni in 3 mesi), ha dimostrato di indurre la produzione di una concentrazione di anticorpi sufficiente a ridurre la pressione di 9 mmHg/4 mmHg (p=0,015 per la sistolica e p=0,064 per la diastolica). Solo la dose più elevata ha sortito l’effetto atteso ed è stata più efficace al mattino. Non è stato osservato
nessun evento avverso grave ma circa un quinto dei soggetti che hanno ricevuto il vaccino ha riportato una sindrome simil-influenzale.
Gli anticorpi anti-angiotensina II avevano un’emivita di circa 17 settimane dopo la seconda dose; gli autori dello studio auspicherebbero una durata di azione maggiore del vaccino.
Sarebbero richieste solo poche iniezioni all’anno ma si tratta di un trattamento sicuro?
La somministrazione dei vaccini, al contrario di quanto avviene con i farmaci, la cui somministrazione può essere sospesa o modificata, è irreversibile.
La soppressione per mesi del sistema renina-angiotensina-aldosterone tutta in una volta può avere conseguenze imprevedibili ed inoltre, la continua stimolazione immunitaria potrebbe determinare malattie autoimmuni, non rilevate nel corso della breve sperimentazione clinica finora condotta.

Vaccine against high blood pressure passes preliminary evaluation. BMJ 2008; 336: 583.

clicca qui


******************************************************************************************
Articolo in lingua Francese
VACCINE AGAINST HIGH BLOOD PRESSURE
Par:

A vaccine against angiotensin II has been developed by linking the endogenous peptide to a virus-like particle.
In a preliminary study 3 injections of the vaccine over 3 months induced enough antibodies in mildly hypertensive volunteers to reduce day time blood pressure by 9 mm Hg/4 mm Hg compared with placebo (P=0,015 for systolic, P=0,064 for diastolic blood pressure).
No serious side effects have been seen, but about a fifth of the volunteers who had active vaccine reported mild flu-like symptoms. The anti-angiotensis II had a half life of around 17 weeks after the second dose and, following the authors of this study, a long duration of action could be useful.
The doubt of the scientists is if this treatment is safe, as suppressing the renin-angiotensinaldosterone system for months at a time may have unpredictable consequences; repeated immune stimulation might cause autoimmune disease?

Vaccine against high blood pressure passes preliminary evaluation. BMJ 2008; 336: 583.

s

******************************************************************************************
Articolo in lingua Inglese

By: