PER UN PUGNO DI VOTI NON SI PERDE LA FACCIA
Vai alla notizia

SPOT PERICOLOSI
Vai alla notizia

FUKUSHIMA: DISPERAZIONE E SPERANZA INTORNO A UN DISASTRO
Vai alla notizia

GRECIA: I CONTI IN ROSSO DI IPPOCRATE
Vai alla notizia

UN’ECONOMIA CHE NON PENSA ALLA COOPERAZIONE
Vai alla notizia

CERTIFICATO DI MALATTIA TELEMATICO: UN’ ECCEZIONE
Vai alla notizia

SCUOLA: TUTTE LE TASSE E LE ESENZIONI
Vai alla notizia

RAPPORTO AMNESTY SULLA PENA DI MORTE
Vai alla notizia

DUE ANNI SENZA RICUCIRE L’ANIMA, NEANCHE DEI PIU’ PICCOLI
Vai alla notizia

FARMACO A DOMICILIO
Vai alla notizia

 

 


Articolo in lingua italiana
EFFETTI BENEFICI DI UN CICLO DI TRE SETTIMANE DI INIEZIONI DI GLUCOCORTICOIDE INTRAMUSCOLO IN PAZIENTI AFFETTI DA POLIARTRITE INIZIALE
06/04/2011
Di: Angelica Salvadori

Scopo dello studio è stato quello di valutare se, il trattamento di pazienti affetti da una forma di poliartrite iniziale, con un ciclo di tre settimane di metilprednisolone acetato per via i.m., possa posporre la necessità di utilizzo di DMARD (disease-modifying antirheumatic drugs) e prevenire l’evoluzione della poliartrite infiammatoria in artrite reumatoide.
Pazienti con una forma iniziale di poliartrite (con una durata non superiore alle 4-10 settimane) sono stati randomizzati a ricevere tre iniezioni o di 80 mg i.m. di metilprednisolone acetato o di placebo, somministrati ad intervalli settimanali.
La valutazione è stata mensile per i primi sei mesi dalla prima iniezione e si è conclusa dopo 12 mesi.
L’outcome primario è stato la necessità di iniziare il trattamento con DMARD dopo 6 mesi dalla valutazione iniziale; l’outcome secondario ha incluso una valutazione da parte del reumatologo dopo 12 mesi.
I pazienti del gruppo placebo (76%) hanno avuto maggior necessità di iniziare il trattamento con DMARD durante i primi sei mesi rispetto al gruppo del glucocorticoide (61%) (adjusted OR = 2.11, 95% CI 1.16 to 3.85, p = 0.015). Dopo 12 mesi, l’artrite si era risolta senza l’utilizzo di DMARD nel 9.9% (11/111) pazienti del gruppo placebo e nel 19.8% (22/111) nel gruppo trattato con glucocorticoidi (adjusted OR = 0.42, 95% CI 0.18 to 0.99, p = 0.048).
Il trattamento di pazienti affetti da una forma iniziale di artrite, con il metilprednisolone acetato i.m., sembra ritardare l’utilizzo di DMARD e prevenire in uno su dieci pazienti, l’evoluzione progressiva in artrite reumatoide.

Verstappen SM, McCoy MJ, Roberts C, et al. Beneficial effects of a 3-week course of intramuscular glucocorticoid injections in patients with very early inflammatory polyarthritis: results of the STIVEA trial. Ann Rheum Dis. 2010 Mar;69(3):503-9. Epub 2009 Oct 12.

clicca qui


******************************************************************************************
Articolo in lingua Francese

Par:

******************************************************************************************
Articolo in lingua Inglese
Beneficial effects of a 3-week course of intramuscular glucocorticoid injections in patients with very early inflammatory polyarthritis: results of the STIVEA trial.
By: Angelica Salvadori

Verstappen SMMcCoy MJRoberts CDale NEHassell ABSymmons DPSTIVEA investigators.

arc Epidemiology Unit, Stopford Building, The University of Manchester, Manchester M13 9PT, UK. deborah.symmons@manchester.ac.uk

Comment in:

Abstract

OBJECTIVE: To evaluate whether treating patients with very early inflammatory polyarthritis (IP) with a 3-week course of intramuscular (IM) methylprednisolone acetate may postpone the need for disease-modifying antirheumatic drugs (DMARDs) and prevent IP from evolving into rheumatoid arthritis (RA).

METHODS: Patients with very early IP (4-10 weeks' duration) were randomised to receive three injections of either 80 mg IM methylprednisolone acetate or placebo, given at weekly intervals. Assessments were monthly until 6 months after the first injection, and then concluded at 12 months. The primary outcome was the need to start DMARDs by the 6-month assessment. Secondary outcomes included disease activity and final clinical diagnosis by the rheumatologist at 12 months.

RESULTS: Patients in the placebo group (76%) were more likely to need DMARDs during the first 6 months of the trial than patients in the glucocorticoid group (61%) (adjusted OR = 2.11, 95% CI 1.16 to 3.85, p = 0.015). Disease activity did not differ between the two groups at 12 months, probably because many patients in the placebo group started DMARDs early in the study. After 12 months, the arthritis had resolved without the need for DMARDs in 9.9% (11/111) of the patients in the placebo group and in 19.8% (22/111) in the glucocorticoid-treated group (adjusted OR = 0.42, 95% CI 0.18 to 0.99, p = 0.048).

CONCLUSION: Treatment of patients with very early IP with IM methylprednisolone acetate appears to postpone the prescription of DMARDs and prevent one in 10 patients from progressing into RA.

PMID: 19825849 [PubMed - indexed for MEDLINE]